Blog

Come scegliere l’impianto d’allarme?

impianto allarme

Benvenuti del nostro blog!
L’intenzione è di usare questo spazio per fare chiarezza in settori molto tecnici come la sicurezza e le automazioni. Parlando di sicurezza ci addentreremo in argomenti quali gli allarmi antintrusione, la videosorveglianza, il controllo accessi, l’antitaccheggio.
In questo primo post cominceremo con l’illustrare i criteri di scelta di un impianto d’allarme.

Innanzitutto è bene specificare che è diverso allarmare un’abitazione privata piuttosto che i locali di un negozio o di un capannone.

Che cosa si vuole proteggere in un’abitazione?

La stragrande maggioranza dei miei clienti si rivolge a noi per proteggere l’incolumità propria e dei propri cari. Incolumità non solo fisica perché anche l’impatto psicologico di un’intrusione è molto grave. La protezione di oggetti di valore di solito invece e di secondaria importanza. Per questo infatti ci sono le assicurazioni.

Proteggere le persone significa proteggerle mentre sono all’interno della loro abitazione.

La maggior parte degli allarmi già realizzati è inadeguata alle attuali necessità: sono stati realizzati con l’ausilio di sensori volumetrici (impropriamente chiamati “radar”) e devono rimanere spenti quando la casa è abitata. Sono impianti totalmente inadeguati alla protezione delle persone.

Strategie per la protezione delle persone, quali sensori utilizzare?

  • Contatti magnetici – con o senza sensori di sfondamento – collegati a porte e finestre
  • Contatti a tenda per per protegger le porte e le finestre dall’esterno
  • Sensori volumetrici da esterno “immuni agli animali”, questi sensori possono essere di vario tipo, ce ne sono alcuni anche muniti di telecamera per la video verifica
  • Barriere perimetrali da esterno ad infrarossi, a microonde, a doppia tecnologia
  • Sistemi di rilevazione puntuale, piezoelettrici per la protezione di recinzioni
  • Sistemi interrati che rilevano il passaggio di intrusi.

Nelle prossime puntate continuerò ad illustrare le strategie e le tecnologie disponibili ed i loro ambiti di applicazione.
Vi invito ad intervenire nel blog. Risponderò con sollecitudine alle vostre domande. Consigli e critiche saranno ben accetti. A presto.